Sempre più imprese sottoscrivono contratti di conto corrente affidato con le banche, per poi ritrovarsi a dover sostenere costi nascosti o illegittimi. Tali irregolarità risultano impossibili da identificare senza l’ausilio di esperti del settore. È fondamentale essere a conoscenza di tutte le criticità che si possono riscontrare nei rapporti di conto corrente, in modo da disinnescare i comportamenti illeciti degli istituti di credito e far valere i propri diritti nelle sedi competenti.

 

 Le principali inadempienze contestabili

Presenza di condizioni di tasso, oneri e costi non pattuiti nel contratto: l’impresa che ricorre ad un affidamento in seguito all’apertura di un conto bancario, dovrà versare interessi sulle somme utilizzate, detti interessi passivi. Questi sono legittimi, ma non possono in nessun caso produrre ulteriori interessi. Gli interessi passivi vengono calcolati una volta l’anno, al 31 dicembre, ma devono essere pagati non prima del mese di marzo dell’anno successivo. La banca non può quindi pretenderli prima di tale data.

Applicazione di interessi anatocistici: l’anatocismo consiste nell’applicazione di un regime di capitalizzazione composta degli interessi debitori. Tale pratica, dà luogo alla formazione di interessi su interessi. Siccome gli interessi e le altre competenze si sommano al capitale prestato ogni tre mesi, i nuovi interessi vengono calcolati non solo sul capitale prestato, ma anche su interessi e competenze liquidati in precedenza. Tutto ciò porta a costi ingiusti e insostenibili per l’azienda correntista, che deve corrispondere due volte la stessa somma. È bene ricordare che la legge vieta qualsiasi forma di produzione di interessi su interessi già dovuti alla banca.

Commissioni di massimo scoperto (CMS) o commissione di istruttoria veloce: generalmente, le banche applicano tali commissioni senza alcuna indicazione delle modalità di calcolo. Inoltre, addebitano importi commisurati al massimo utilizzo del periodo di riferimento, a prescindere dalla quota di fido utilizzabile. Affinché la clausola di massimo scoperto sia valida, deve possedere i requisiti di determinatezza e determinabilità; devono quindi essere previsti sia il tasso della commissione sia i criteri di calcolo e la sua periodicità.

Usura: gli interessi usurai sono tutte le somme da corrispondere al di sopra del limite determinato dalla legge 108/96 (Tassi soglia d’usura). Per definire l’usura si confronta il Tasso Effettivo Globale (TEG) con il Tasso Soglia oltre il quale gli interessi si considerano sempre usurari.

Postergazione e antergazione delle valute: questa irregolarità consiste in un espediente usato dalle banche per accrescere i giorni base per il calcolo degli interessi passivi e per diminuire quelli che si riferiscono agli interessi attivi. La presenza di questo meccanismo è un’illegittima violazione del Testo Unico Bancario (TUB) e del Decreto legislativo n. 11 del 27 gennaio 2010.

 

Recuperare è possibile, come testimoniano i numerosi casi di successo di aziende che si sono rivolte a noi

Per tutte le aziende che si sono affidate ad istituti di credito per l’affidamento di conti correnti, è fondamentale possedere una corretta conoscenza delle problematiche a cui possono andare incontro, in modo da individuare le condizioni capestro sottoscritte inconsciamente e far valere i propri diritti.

Tra i nostri più recenti casi di successo, abbiamo aiutato un’azienda lombarda operante nelle forniture di impianti industriali, che si è rivolta a noi per esaminare le perdite derivanti dal contratto di conto corrente stipulato con la propria banca. Grazie all’analisi dei nostri specialisti tecnico legali sono state riscontrate gravi inadempienze da parte dell’istituto bancario tra cui la presenza di tassi usurai, commissioni di massimo scoperto e carenze di forma scritta. Il Tribunale di Siena, a cui l’azienda si era rivolta, ha confermato le criticità riscontrate, condannando la banca a risarcire il nostro cliente, per un beneficio netto di € 16.494,13.

 

Marco Fabio Delzio – Ceo & Founder partner Martingale Risk

Condividi

Scrivici, sarai ricontattato quanto prima da un nostro incaricato